Editoriale

Catania – Tra il TAS e i nuovi obiettivi, verso il “vero” primo posto

Catania – Tra il TAS e i nuovi obiettivi, verso il “vero” primo posto
Antonio Costa

Vincere e convincere: già da qualche settimana era diventato questo l’obiettivo del Catania, che per pensare di raggiungere la meta dei Play-Off era inevitabilmente costretto a dimostrare di poter mettere sotto l’avversario di turno e meritare il successo in ogni partita in cui ha conquistato i tre punti.

E’ accaduto domenica, nella spigolosissima sfida contro il Catanzaro, ma lo stesso era avvenuto prima contro Messina, Lecce e Paganese, anche se si era sofferto soprattutto contro i campani, ma in un campionato come questo e con un fardello come quello della penalizzazzione è più che normale che sia così.

Da qualche tempo però sui meriti del Catania nelle vittorie conquistate non c’è alcun dubbio e anche fuori casa le impressioni date di recente dalla squadra di Rigoli sono nettamente cambiate, a maggior ragione se si considera che a Foggia si poteva pure vincere e forse si era anche segnato il gol del vantaggio, con quella rovesciata di Fornito che ha messo tanta paura ai più quotati rossoneri.

Adesso dunque la zona Play-Off è stata raggiunta e non si può certo immaginare di vivacchiare fino al termine del campionato, accontentandosi di staccare il biglietto per la fase finale della stagione in una posizione che si riveli sufficiente per tale traguardo, solo perchè la distanza dalle prime quattro posizioni è ad oggi siderale.

Nelle scorse ore Rigoli ha parlato di primo posto, facendo capire quanto le sue ambizioni non siano mai dome, anche se è chiaro che di certo non si riferiva al momento attuale, perchè pensare di raggiungere la vetta quando mancano venticinque giornate è un sogno, ma è ragionevole pensare che sia quasi una mission impossible, a meno che non venga cancellata la penalizzazione per il caso Castro.

Mai dire mai ed è giusto non porsi mai limiti di classifica, ma proprio sulla possibilità di vedersi restituire persino un solo punto il pessimismo aumenta col passare dei giorni, anche se bisognerà farsi trovare pronti nel caso arrivi qualche sorpresa inattesa regalata dal TAS.

Nel frattempo, quindi, è bene fissare un nuovo obiettivo minimo minimo, che non può assolutamente discostarsi da quel quinto posto che dista solo cinque punti e ad oggi appartiene al Cosenza.

Il “primo posto” del Catania adesso dovrà necessariamente diventare quello, perchè la quinta posizione è “l’ultima” tra quelle che potrebbero dare un avversario sulla carta più debole ed obiettivamente ad oggi è il traguardo più alla portata della squadra di Rigoli.

Se poi le cose dovessero cambiare e migliorare ulteriormente allora ci sarà modo di rivedere per l’ennesima volta gli obiettivi stagionali, ma per adesso è ragionevole prendere di mira quella zona della classifica che i rossazzurri possono meritare ampiamente e che mai come oggi è alla portata del Catania!

 

Fonte foto: calciocatania.it

Editoriale

More in Editoriale

Sito non ufficiale del Calcio Catania S.p.A.

NewsCatania nasce ufficialmente l’1 gennaio del 2016 e segue costantemente le vicende del Calcio Catania.

Direttore responsabile: Antonio Costa

Copyright © 2016 NEWSCATANIA.com Tutti i diritti riservati - Testata giornalistica sportiva iscritta nel registro giornali e periodici del tribunale di Catania N.1/2016 del 26/01/2016 - Webmaster: Salvatore Sanfilippo