News

Paolucci a NC: “Catania, adesso accelera e batti il Palermo”

Paolucci a NC: “Catania, adesso accelera e batti il Palermo”
Avatar

Secondo appuntamento settimanale per la trasmissione “News Catania Live”, in onda sulla pagina Facebook del nostro portale dal lunedì al venerdi dalle ore 19:00 alle 20:00. Ospite gradito della giornata odierna è stato Michele Paolucci, attaccante ricordato a Catania anche per i gol messi a segno contro il Palermo ormai poco più di dieci anni fa. “I ricordi fanno parte del bagaglio della mia esperienza. Più passa il tempo e più è forte il mio legame con Catania” ha esordito Paolucci, oggi dirigente/giocatore nell’FC Manitoba in Canada.

GOL CONTRO IL PALERMO – “Sono passati dieci anni e certi ricordi restano nel cuore della gente. Ogni squadra ha un momento particolare, per il club e per i tifosi, un momento d’orgoglio. Quello 0-4 ha segnato in maniera indelebile la storia del Catania, ho avuto la percezione di essere entrato a fare parte della storia del club. È stato molto bello. Il derby è sempre un derby, che bel pezzo di storia che abbiamo scritto”.

LEGAME CON CATANIA – “Tatuaggio postato ieri sui social con scritta “Melior de cinere surgo”? Ha un significato molto importante, l’ho sempre voluto fare ed appena ne ho avuto la possibilità sono andato a farlo. È uno di quelli a cui sono più affezionato, sono molto contento e me lo sentivo dentro”.

SENSAZIONI DA PRIMO DERBY“Le porte chiuse creano un atmosfera diversa, più ovattata. In una città come Catania la pressione si sente di più, è un messaggio che i “vecchi” della squadra dovrebbero trasmettere. Penso a Mascara, Baiocco o Biagianti: vincere è un fatto d’orgoglio, bisogna dare tutto e combattere. È Catania-Palermo, io la seguirò anche dall’altra parte del mondo”.

TACOPINA E L’INFLUENZA SUI GIOCATORI – “Ci credo relativamente poco: quando vai in campo cerchi di lasciare fuori i pensieri, sanno che qualcosa sta accadendo ma non è quello che ti toglie la concentrazione. L’allenatore prepara i ragazzi a giocare le partite, con tutte le fasi, si deve partire dal piglio ed essere cattivi sotto il punto di vista agonistico. Il resto viene da sé in maniera naturale”.

ASPETTATIVE STAGIONE CATANIA – “C’è da distinguere tra aspettative e realtà: giocare la C con la maglia del Catania non è semplice, non è uguale alle altre piazze. Avrei voluto vedere il Catania più vicino alla vetta, ma la Ternana rende tutto più complicato per le altre squadre. Il Catania deve inanellare qualche vittoria consecutiva, ma ottenere i risultati non è facile. Qualche punticino in più la squadra l’avrebbe potuto avere. Partite come questa hanno un risvolto emotivo: ti possono dare la carica per ottenere molti successi”.

VINCERE PER CLASSIFICA E MORALE –Portare a casa tre punti è importante per la classifica e per il morale: quando vinci un derby porti il pubblico dalla tua parte. Siamo a 2/3 del campionato, è mancata la continuità nei risultati ottenendo qualche pareggio di troppo. Credo che ora sia il momento di accelerare e poi giocarsi tutto nello sprint finale e poi ai playoff”.

RITORNO A CATANIA – “Vorrei giocare almeno fino a 40 anni e poi faccio esperienza come dirigente, potrebbe tornarmi utile per la causa”.

UN RICORDO “Quello più incredibile è stata la folla all’autogrill ed il fatto che abbiano chiuso l’autostrada addirittura. Qui in Canada si chiedono come sia stato possibile tutto ciò… (ride, ndr)”.

GIORNATA TIPO – “La stagione non è ancora iniziata: la mattina vado in ufficio, ci prepariamo nell’attesa di andare in campo. Annunceremo l’allenatore a breve, sarà europeo. Un bel segnale per il nostro campionato”.

foto: Filippo Galtieri

News

More in News

Sito non ufficiale del Calcio Catania S.p.A.

NewsCatania nasce ufficialmente l’1 gennaio del 2016 e segue costantemente le vicende del Calcio Catania.

Direttore responsabile: Antonio Costa

Copyright © 2016 NEWSCATANIA.com Tutti i diritti riservati - Testata giornalistica sportiva iscritta nel registro giornali e periodici del tribunale di Catania N.1/2016 del 26/01/2016 - Webmaster: Salvatore Sanfilippo