Conferenza Stampa

Camplone: “Andiamo a Vibo per vincere non per fare le belle statuine”

Camplone: “Andiamo a Vibo per vincere non per fare le belle statuine”

Si è conclusa da pochi minuti la conferenza stampa di mister Camplone. Ecco i temi presentati in vista della sfida contro la Vibonese di domani pomeriggio:

“Come stanno gli infortunati? Non abbiamo recuperato nessuno, Saporetti ed Esposito si allenano a parte. Mbende è da valutare, il resto degli infortunati tutto uguale come già è noto”.

Cambio modulo? No, giocheremo probabilmente col 4-3-3. È rientrato Biagianti anche se non sappiamo cosa può darci. Eventualmente cambiaremo modulo, ma è una scelta ad oggi difficile. 

Scelta a centrocampo? Bucolo è stato un mese fuori, gli manca la partita. C’è stato qualche problemino fisici con Dall’Oglio, che non sta benissimo. Oggi si sono allenati tutti quanti, la formazione è ancora tutta da studiare.

Lodi e la posizione in campo? No, non ho pensato ad una posizione diversa in campo. Dovrei cambiare ruolo a tutti quanti, nessuno ha fatto bene fuori casa. Ciccio in mezzo ci da delle geometrie ben definite, ho sempre avuto play bravi ad impostare il gioco. Non possiamo avere 11 architetti, ci sono anche muratori che devono correre.

Noce? Ci sono alte possibilità di vederlo in campo, è qui che si allena da quattro mesi avrà una grandissima possibilità e mi aspetto che ci metta la giusta cattiveria. Ci sarà anche Pino, diamo a tutti i ragazzi le possibilità di potersi mettere in mostra.

Catania? Non penso che possa avere spazio, si sta riprendendo evitando contrasti pesanti. Sta indietro, è quelli più propositivo ma non vorremmo andare incontro a ricadute. Fa gruppo e spogliatoio.

Atteggiamento contro la Vibonese? Ci alleniamo sempre contro un 4-3-3. Andiamo a giocarci una partita di calcio non per fare le belle statuine, loro giocano con il collettivo e la Vibonese è una squadra molto spregiudicata. Mi aspetto una risposta concreta dalla squadra, dobbiamo tornare ad essere spensierati. Il trittico di partite ci permetterà poi di sfruttare il fattore campo.

Perchè il Catania tira poco da fuori area? In trasferta arriviamo poco a ridosso dell’area avversaria, produciamo poche azioni da gol. Prendiamo poche punizioni dal limite ed è una questione di atteggiamento. Proponendo poco calcio si arriva poco in porta, nonostante siamo il miglior attacco in Serie C. Le mezzali arrivano poche volte, quando crossiamo in area c’è solo un giocatore. Senza palla non pensiamo praticamente mai e questo deve essere assolutamente migliorato. Diventiamo prevedibili perchè non ruotano gli interpreti: solo così non si possono dare punti di riferimento. Domenica avevamo sette giocatori dietro la linea della palla, lasciavamo gli attaccanti contro l’intera squadra avversaria. Le mezzali fanno solo due movimenti non cento, ma devono essere fatti alla perfezione. Ci vuole coraggio, il risultato può darci la convinzione di osare di più.

Capitano? La fascia da capitano non è un problema, cambierei il capitano tutta la settimana. In campo è più una formalità, deve imporsi fuori dal campo. Far girare la fascia è un modo per responsabilizzare tutti”. 

Conferenza Stampa

More in Conferenza Stampa

Sito non ufficiale del Calcio Catania S.p.A.

NewsCatania nasce ufficialmente l’1 gennaio del 2016 e segue costantemente le vicende del Calcio Catania.

Direttore responsabile: Antonio Costa

Copyright © 2016 NEWSCATANIA.com Tutti i diritti riservati - Testata giornalistica sportiva iscritta nel registro giornali e periodici del tribunale di Catania N.1/2016 del 26/01/2016 - Webmaster: Salvatore Sanfilippo