Interviste

Cigalini a NC: “Sigi-Tacopina non diventi telenovela. Riapertura? Solo a iscrizione avvenuta”

Cigalini a NC: “Sigi-Tacopina non diventi telenovela. Riapertura? Solo a iscrizione avvenuta”
Dario Conti

Intervenuto ieri a “News Catania Live”, il giornalista di Telecolor e direttore de Lasiciliaweb.it, Alberto Cigalini, ha analizzato a 360 gradi la situazione del Catania.

Sull’iscrizione al prossimo campionato – “Le parole dell’avvocato Giovanni Ferraù riguardo l’iscrizione lasciano ben sperare, ma se parliamo di prospettive imprenditoriali, bisogna fare un ragionamento più ad ampio raggio, perché bisogna costruire la squadra e i debiti pregressi non spariscono. La necessità di un subentro o rafforzamento dell’asset imprenditoriale sembra essere assolutamente necessario”.

Sui nuovi investitori – “Lo stato dell’arte è quello che un po’ tutti conosciamo: la Sigi sta cercando qualcuno che possa intervenire per consolidare la compagine societaria e per rimettere capitali, la cui importanza è sotto gli occhi di tutti. C’è anche un problema legato alla tempistica, che mal si concilia con l’iscrizione”.

Sulla riapertura della trattativa Sigi-Tacopina – “I margini per tornare a parlare credo possano esserci, ma eventualmente a iscrizione avvenuta. Bisogna evitare che diventi una telenovela, prima o poi bisogna arrivare ad un punto di non ritorno nel bene o nel male. Non si può rimanere in bilico e ostaggio di questa situazione. Non c’è un Tacopina 2 in questo momento a Catania. Quello che sta cercando la Sigi è un partner, qualcuno che possa immettere capitali, ma con una formula diversa rispetto a quella con l’imprenditore italoamericano, che resta un’opzione”.

Sulla nuova richiesta di concordato preventivo del Catania – “Sarebbe un’ipotesi molto complessa, alla quale non voglio pensare. Credo sia improbabile, dipende dall’evolversi della situazione”.

Se gli 800 mila dollari versati da Tacopina andrebbero persi – “Bisognerebbe capire a che titolo sono stati versati. Per quello che ne so io, Sigi dà un’interpretazione, Tacopina un’altra. Lo possiamo interpretare come quel filo al quale appigliarsi per tenere vivo il discorso. Se dovesse andare tutto male, non escludo si possa aprire un contenzioso in sede legale tra le due parti”.

Su cosa potrebbe succedere a giugno – “Sarà un mese di grande lavoro dietro le quinte. Per iscrivere la squadra al campionato c’è una fase documentale da preparare, ma bisogna anche ricercare fonti di finanziamento. C’è un altro binario, che è un po’ meno vivo ma che esiste, ed è il progetto tecnico, perché se il Catania si iscriverà, dovrà pensare alla costruzione dell’organico Molto dipenderà dal budget che verrà messo a disposizione. In qualche misura sembra che qualche movimento si stia già compiendo sui rinnovi e sul tecnico Baldini”.

Sull’Agenzia delle Entrate e Comune di Mascalucia – “Arrivare ad un punto fermo anche con i due Enti sarebbe sicuramente una delle buone notizie. Le lungaggini burocratiche non aiutano sotto nessun punto di vista. L’impazienza di Tacopina è probabilmente legata ad un altro tipo di cultura e ad una difficoltà a comprendere un mondo che funziona diversamente”.






Interviste

More in Interviste

Sito non ufficiale del Calcio Catania S.p.A.

NewsCatania nasce ufficialmente l’1 gennaio del 2016 e segue costantemente le vicende del Calcio Catania.

Direttore responsabile: Antonio Costa

Copyright © 2016 NEWSCATANIA.com Tutti i diritti riservati - Testata giornalistica sportiva iscritta nel registro giornali e periodici del tribunale di Catania N.1/2016 del 26/01/2016 - Webmaster: Salvatore Sanfilippo