Interviste

Lo Monaco: “Violentato dentro, non faccio denuncia. Pulvirenti? Si è commosso”

Lo Monaco: “Violentato dentro, non faccio denuncia. Pulvirenti? Si è commosso”
Dario Conti

All’uscita dalla Prefettura di Catania l’amministratore delegato etneo Pietro Lo Monaco ha commentato la vergognosa aggressione che lo ha visto vittima nella mattinata di ieri sul traghetto ‘Caronte’, dove si trovava per raggiungere la squadra a Potenza:

“Quello che è successo ieri è sotto agli occhi di tutti. Non sta a me denunciare, chi ha fatto questo si è firmato. Ci sono telecamere e centinaia di persone che hanno visto. Penso che sia andata bene, perché poteva anche scapparci il morto. Mi sono sentito violato, stavo prendendo un caffè ed essere aggredito alle spalle in mezzo a tante persone non è una cosa certamente bella. L’episodio di ieri è stato in un certo senso preannunciato dagli striscioni ai Due Obelischi, dalla testa del porco ammazzato dentro al campo, o da tutta questa campagna social pazzesca, per cui non ho assolutamente una spiegazione e non so nemmeno da che parte viene e il perché. Non so se tutto ciò è alla base di questo episodio. La partita non giocata, le dichiarazioni del Sindaco che poteva evitarsele e le cose che abbiamo sentito sono le cause scatenanti. Escoriazioni sul viso? Le vere escoriazioni le ho dentro, più che escoriazioni, ho una frattura. Non potete immaginare cosa significhi essere violati. Quando una persona viene aggredita e non se l’aspetta. Io denunce non ne faccio, perché non sono abituato. Chi ha fatto quello che ha fatto si è fermato. Ci sono le telecamere, è davanti agli occhi di tutti quello che è successo. Quello che mi augurerei veramente, invece, è che da questo episodio si prenda lo spunto per isolarsi da queste persone che non vogliono il bene del Catania e che portano discredito alla città di Catania. Cosa mi ha detto Pulvirenti? Mi è dispiaciuto vederlo commosso, gli sono uscite le lacrime. Ripeto, non oso immaginare cosa sarebbe successo se fossi caduto a terra, quello che mi ha proprio violentato dentro è stata questa aggressione alle spalle. Non so come ho avuto la lucidità di portarli fuori dal ponte. Per 25 minuti sono stato in balia delle frasi, accuse, minacce più becere. Se rimango amministratore delegato del club? No, col Catania ho chiuso l’altro giorno”. 

Fonte foto: NewsCatania.com

Interviste

More in Interviste

Sito non ufficiale del Calcio Catania S.p.A.

NewsCatania nasce ufficialmente l’1 gennaio del 2016 e segue costantemente le vicende del Calcio Catania.

Direttore responsabile: Antonio Costa

Copyright © 2016 NEWSCATANIA.com Tutti i diritti riservati - Testata giornalistica sportiva iscritta nel registro giornali e periodici del tribunale di Catania N.1/2016 del 26/01/2016 - Webmaster: Salvatore Sanfilippo