Conferenza Stampa

Lucarelli: “Catania non si discute, si ama”

Lucarelli: “Catania non si discute, si ama”
Avatar

Giornata intensa per Cristiano Lucarelli, nuovo allenatore del Catania. Dopo essersi insediato stamani ed aver diretto il primo allenamento, il trainer toscano è intervenuto in occasione della conferenza stampa di presentazione nella sala congressi di Torre del Grifo. Ecco le sue dichiarazioni:

“È un piacere ritrovarmi qui. Quando c’è un avvicendamento in panchina è un dispiacere per tutti: questo cordone con Catania non si è mai staccato, anche noi abbiamo sofferto per l’andamento negli ultimi mesi della squadra. Ringraziamo il direttore che ci da questa nuova opportunità, c’è la voglia di riprenderci ciò che era giusto e meritato. Ci troviamo di fronte ad una situazione difficile, ma quando sei stato bene non è possibile voltare le spalle in momenti difficili. Il direttore mi ha telefonato domenica alle 5, abbiamo parlato di contratto e non è stata una questione di soldi. Lo Monaco voleva riportarmi e noi volevamo tornare, per riprendere il cammino interrotto di due anni fa. Stamani sul volo per Catania c’erano numerosi tifosi in coda, un tifoso anziano mi ha detto che tanti anni fa fu fatto uno striscione che recitava il “Catania non si discute, si ama”. Tutti hanno il dovere di fare la loro parte, ognuno nella propria veste deve portare un mattoncino. Pensare che non ci sia una simbiosi totale è utopia, chiedo di mettere da parte ogni forma di incomprensione e delusione e di metterci tutti a servizio del Catania e di questa causa”.

Clima nello spogliatoio – L’ho lasciato come l’ho trovato, pulito e che necessita di un’imbiancata (ride, ndr). Ho trovato massima disponibilità da parte di tutti, sono stato abbastanza chiaro e di essere onesti nei miei confronti. Se c’è qualcuno che ha già staccato la spina e pensa al mercato di gennaio deve dirlo subito, noi vogliamo fare dei risultati con una certa continuità. Vogliamo ricreare le condizioni per avvicinarci ai primissimi posti. Ci vorrà del tempo, bisogna ripartire rimboccandosi le maniche, da oggi esiste solo il bene del Catania e chi non rientra in questi parametri non può stare con noi. C’è la necessità, ma non l’assillo, di inseguire il primo posto, riavviciniamoci gradualmente. Non vedo perchè non dovremmo poter emulare il Cosenza di due anni fa, la squadra è forte per questo ho accettato ma serve anche una certa dose di serenità. La chiamata di Lo Monaco mi ha emozionato, meritavo una seconda chance. Ho visto tutte le partite tranne quella col Francavilla”.

Cosa prendo di buono e cattivo dalle prime partite – “Ho nella testa il Catania delle prime due gare. Può starci che alcuni giocatori in un momento di difficoltà possano aver fatto altri pensieri, di trasferirsi altrove. Noi dobbiamo intraprendere un percorso e c’è bisogno solo di gente convinta. Da calciatore mi è capitato di vedere calciatori demotivati, voglio che venga detto senza se e senza ma. Ci servono soldati per andare a far la guerra”.

Richieste sul mercato invernale – “Non sarebbe corretto, manca tanto ancora pensiamo a fare più punti possibili. È anche corretto vedere il materiale a disposizione, poi eventualmente a gennaio rinforzeremo la rosa. Quando avremo le idee più chiare su cosa migliorare ci metteremo ad un tavolo col direttore, ma oggi ci sono altre priorità: il mercato è una conseguenza di ciò che faremo da qui a gennaio. Non mi preoccupo di questo aspetto”.

Modulo – Non è detto si riparta dal 4-3-3, siamo condizionati e si riparte da chi è a disposizione. Poi si potrà pensare ad altro. Con questi giocatori possiamo fare tutto e la squadra è camaleontica, una squadra con un’identità chiara ma che sappia cambiare pelle. Di Piazza e Curiale potrebbero giocare insieme, vogliamo recuperare in primis Curiale ma questa settimana non c’è possibilità di incidere dal punto di vista delle idee. Nel calcio nessuno inventa nulla, ogni allenatore ha le sue sfumature e particolari ed in queste situazione diamo più importanza a ciò che è la testa”.

Foto esclusiva: newscatania.com

Conferenza Stampa

More in Conferenza Stampa

Sito non ufficiale del Calcio Catania S.p.A.

NewsCatania nasce ufficialmente l’1 gennaio del 2016 e segue costantemente le vicende del Calcio Catania.

Direttore responsabile: Antonio Costa

Copyright © 2016 NEWSCATANIA.com Tutti i diritti riservati - Testata giornalistica sportiva iscritta nel registro giornali e periodici del tribunale di Catania N.1/2016 del 26/01/2016 - Webmaster: Salvatore Sanfilippo