Interviste

Pellegrino, la rabbia è tanta: “Partite condizionate dagli arbitri!”

Pellegrino, la rabbia è tanta: “Partite condizionate dagli arbitri!”
Emanuele Strano

Dopo la sconfitta rocambolesca patita ad opera della Turris, il direttore dell’area sportiva del Catania, Maurizio Pellegrino, ha espresso tutta la propria rabbia nei confronti della terna arbitrale, le cui decisioni hanno penalizzato i rossazzurri:

“Oggi prevale la rabbia perché le immagini dimostrano chiaramente che le ultime due gare sono state condizionate da decisioni arbitrali, indipendentemente dai nostri errori, dai nostri limiti e difetti. Se ci si mettono anche le decisioni dell’arbitro che vanno a complicare l’andamento di una gara, così diventa impossibile. Questo mi dispiace molto perché l’impegno di tecnico, staff e giocatori è massimale. Dobbiamo sopperire ai limiti col massimo dell’impegno e lo stiamo facendo, abbiamo a mio avviso raccolto poco in queste ultime gare rispetto a quanto mostrato, ma dobbiamo avere la lucidità e la serenità di guardare già alla partita di lunedì”

“Non ci siamo mai lamentati degli arbitri per un anno intero, così però mi sembra troppo. Non tanto per le decisioni arbitrali che hanno determinato e condizionato, sono gli atteggiamenti che non sono più tollerabili. Noi siamo il Catania, una squadra, una società, una città di grandissime tradizioni e non si possono avere atteggiamenti del genere in mezzo al campo.

Siamo passati in vantaggio, poi abbiamo commesso ancora un errore individuale che ci è costato il pari della Turris ma avevamo tanto tempo per potere recuperare. Abbiamo sofferto la Turris nel primo tempo, però ditemi voi come si fa e quali sono le prospettive di una partita in equilibrio se si espelle Russini dopo che la prima ammonizione è scattata per una simulazione quando invece è stato toccato in area e poi estrai il secondo giallo per un fallo da dietro che l’arbitro ha ritenuto cattivo. Ma come si fa? Non è possibile. E’ chiaro che in una partita in cui già stavamo facendo fatica a prendere le misure rimani in dieci in quella maniera e poi devi ripartire per cercare di riequilibrarla, tutto diventa più complicato.

Probabilmente qualcuno si accorgerà che anche noi ci possiamo incazzare, detto questo poi bisogna avere anche la lucidità di pensare alla partita di lunedì e rasserenare questa squadra, allenatore e staff dandogli tanta fiducia e vicinanza perché sono convinto che ne verranno fuori alla grande.

“Il mio primo pensiero è ricompattarci, stare uniti, crederci e lavorare tanto perchè un momento difficile. Spero che tutti lo capiscano e stiano vicini come non mai a questa squadra perché se lo merita per impegno e serietà.”

Interviste

More in Interviste

Sito non ufficiale del Calcio Catania S.p.A.

NewsCatania nasce ufficialmente l’1 gennaio del 2016 e segue costantemente le vicende del Calcio Catania.

Direttore responsabile: Antonio Costa

Copyright © 2016 NEWSCATANIA.com Tutti i diritti riservati - Testata giornalistica sportiva iscritta nel registro giornali e periodici del tribunale di Catania N.1/2016 del 26/01/2016 - Webmaster: Salvatore Sanfilippo