Esclusive

Escl. NC – Pinto: “Tifosi parte della nostra rinascita. Sogno il primo gol a Bari”

Escl. NC – Pinto: “Tifosi parte della nostra rinascita. Sogno il primo gol a Bari”
Dario Conti

L’ultima vittoria contro la Vibonese ha confermato i segnali di crescita non solo del Catania, ma anche di Giovanni Pinto, autore dell’assist ad Andrea Mazzarani e tra i migliori del match. In un’intervista esclusiva ai nostri microfoni il terzino sinistro etneo ha fatto il punto della situazione, tra passato, presente e futuro.

Quanto è stata importante la vittoria contro la Vibonese che arrivava da tre vittorie consecutive?

“La vittoria è stata fondamentale, sia per il valore dell’avversario, sia perché in passato, nel corso di partite del genere, avremmo subito qualcosa in più a livello mentale, specialmente dopo aver subito il pareggio. Adesso ci siamo compattati e sappiamo che dobbiamo lottare allo stesso modo contro tutti, a prescindere dal valore dei rivali”.

Nei tre punti ottenuti contro i calabresi ci sono tanti dei tuoi meriti, con il perfetto assist che hai servito a Mazzarani. Al di là di questo il tuo rendimento è in netta crescita, partita dopo partita. Come spieghi questa evoluzione?

“Sicuramente adesso sento più fiducia da parte dei compagni e in me stesso, in passato non ho fatto bene in alcune partite, ma ho sempre garantito il massimo impegno, in campo. Adesso magari avverto meno la pressione, anche a livello inconscio, e di conseguenza certe giocate ad alto coefficiente di difficoltà riescono”.

A fine gara mister Lucarelli ha detto che hai ancora ampi margini di miglioramento, come la squadra, soprattutto in termini di continuità nei novanta minuti. Sei d’accordo con questa sua considerazione? Che cosa vi ha trasmesso dal suo arrivo?

“Ha ragione, credo che non c’è mai limite nel migliorarsi e un professionista deve sempre pretendere di più da se stesso. Lucarelli ci ha trasmesso fiducia ed è sempre positivo. Al di là degli evidenti meriti del mister, tutti abbiamo capito che dobbiamo adeguarci alla piazza, importante, e al tipo di campionato, duro, dando tutto fino alla fine di ogni partita”.

Nelle precedenti gare ti abbiamo visto cercare la gioia personale, andando alla conclusione verso la porta col sinistro e anche col destro. E’ un altro colpo che fa parte del tuo repertorio?

“Sì, in passato ho siglato anche qualche rete di destro. Sinceramente non penso a segnare, anche se può essere importante. Per me è altrettanto soddisfacente, se non di più, servire un assist a un compagno”.

Ti manca solo il gol per suggellare questo momento fantastico. Dove sogni la tua prima marcatura in rossazzurro?

“Sarebbe bello segnarla a Bari contro una squadra di caratura importante, ma davvero non importa chi segna: al primo posto c’è l’interesse della squadra”.

Avete ritrovato la spinta fondamentale dei tifosi, anche se adesso dovrete fare a meno di loro, alla luce del divieto imposto su tutti i campi, a causa dell’emergenza Coronavirus.

“I tifosi ci hanno dato una spinta in più, nelle prossime partite ci mancheranno ma dovremo continuare a dare il massimo come se fossero presenti, per noi stessi e per loro, che sono parte della nostra rinascita”.

Anche dentro e fuori dal campo si vede un gruppo compatto. Il mister vi porta spesso a cena. Avete qualche altra scommessa in sospeso? 

“Il clima è diverso, come dicevo ci siamo compattati ed anche andare a cena aiuta ad unirci ulteriormente in campo: questo è davvero molto bello, nel mondo del calcio è davvero raro ritrovarsi in un gruppo come il nostro senza invidie e rancori, con un unico obiettivo”.   

Adesso arriva la prima delle due trasferte pugliesi contro il Bisceglie. “Una prova di maturità” come definito dal mister. Che scenari può aprirvi?

“Vincere a Bisceglie aumenterebbe l’autostima. Come ho sempre detto le partite non si giocano parlando ma sul campo, pensiamo a fare bene a Bisceglie e poi penseremo alle successive”.

La stessa Reggina ha perso in casa contro il Monopoli, il Bari – vostro prossimo avversario dopo il Bisceglie – spera ancora nella promozione diretta. La Ternana fatica a tornare al successo. Il Catanzaro sembrava aver ritrovato la retta via con mister Auteri, ma è giunto alla terza sconfitta consecutiva. Che sorprese può riservare ancora questo campionato e il vostro obiettivo quale rimane?

“Il nostro obiettivo è procedere di partita in partita. Non vogliamo fare calcoli e tabelle, sarebbe da presuntuosi. Domenica dopo le 17.30 daremo un altro sguardo alla classifica e poi faremo la stessa cosa dopo la gara successiva, andando avanti così. La Reggina difficilmente perderà il campionato, il Bari è l’unica che potrebbe insidiarla ma sette punti sono tanti; l’esempio dell’Alessandria dimostra che tutto è possibile ma penso che la Reggina non si lascerà sfuggire questa grande occasione”.

Fonte foto: PH Sabrina Malerba – NewsCatania.com

Esclusive

More in Esclusive

Sito non ufficiale del Calcio Catania S.p.A.

NewsCatania nasce ufficialmente l’1 gennaio del 2016 e segue costantemente le vicende del Calcio Catania.

Direttore responsabile: Antonio Costa

Copyright © 2016 NEWSCATANIA.com Tutti i diritti riservati - Testata giornalistica sportiva iscritta nel registro giornali e periodici del tribunale di Catania N.1/2016 del 26/01/2016 - Webmaster: Salvatore Sanfilippo